Ultimo aggiornamento 19 Ottobre 2021 @ 16:00

Prealpina.it logo

Elezioni Saronno: parcheggi e mobilità, i candidati rispondono

16 Set 2020 | Amministrative 2020, SARONNO

 

Parcheggi a Saronno e con essi, più in generale, il tema della mobilità: sono questi due degli argomenti in vista delle elezioni di Saronno che più stanno a cuore ai cittadini, i quali vivono sulle loro spalle code e ingorghi negli orari di punta o la difficoltà di trovare posto sotto casa.

Elezioni Saronno, la viabilità come spina nel fianco

Negli ultimi anni delle decisioni sono state prese, la situazione è cambiata (per qualcuno in meglio, per qualcun altro in peggio) con un ampliamento dei posteggi per i residenti e con scelte forti e tutt’ora al centro del dibattito (come quella di trasformare in posteggio a pagamento piazza dei Mercanti, dove la sosta era in passato gratuita e dove parcheggiano molti pendolari diretti alla vicina stazione ferroviaria centrale).

Gilli: “No a troppe strisce blu”

Pierluigi Gilli di Con Saronno, Italia viva, Azione, + Europa e Unione italiana pensa a più aree per la sosta gratuita. «Si rende necessario rivedere completamente la pesantissima politica della sosta dell’Amministrazione uscente, che ha esteso a dismisura le zone a strisce blu, a pagamento, rendendo la sosta costosa e surrettiziamente una delle fonti di principale entrata per il bilancio del Comune al pari delle contravvenzioni; con il risultato dell’ulteriore allontanamento dei consumatori dal commercio locale. Come riconosciuto dall’unanime giurisprudenza, da ultimo la Cassazione con ordinanza 15678/2020, in zona contigua a quelle a pagamento si devono individuare sufficienti aree destinate a parcheggio libero, a pena di illegittimità dei provvedimenti comunali».

Quindi, per Gilli «dovrà essere adattato alle esigenze attuali il piano dei parcheggi e completamente rimodulata la strategia attuata negli ultimi anni». Ma dice no a una «sosta indiscriminata e non disciplinata»: «Si dovranno identificare i punti nodali e da lì partire per regolamentarli, favorendo le forme alternative del trasporto dolce. Zone a disco e non a pagamento sono un elemento vitale».

Ciceroni: “Sosta gratis di mezz’ora”

Un nuovo piano per aiutare i negozi: è nei programmi di Obiettivo Saronno e del candidato sindaco Novella Ciceroni. «Crediamo che attraverso un efficace piano parcheggi passi il rilancio del commercio di prossimità – conferma Ciceroni – Pensiamo a modalità per rendere gratuita la sosta breve di mezz’ora per chi deve effettuare acquisti veloci in centro e a collaborare con i commercianti che decideranno di omaggiare la clientela a fronte di acquisti effettuati nei loro esercizi. Valuteremo la fattibilità di un parcheggio sotterraneo percepito come sicuro, soprattutto dalle donne, e ben collegato al centro. Saranno premiati i nuovi progetti commerciali che non creeranno sosta a raso ma parcheggi interrati, destinando a verde le zone di superficie. Si valuterà la fattibilità di valorizzare il parcheggio di piazza Saragat, molto vicino al centro, ma poco utilizzato. Pensiamo a una rivisitazione completa del recente piano che ha incrementato i parcheggi per i residenti, spesso non utilizzati, soprattutto nella zona delle scuole superiori; per favorire stalli liberi in orari studiati al servizio di chi a scuola lavora e degli studenti che usufruiscono della biblioteca».

Fagioli: “Progettati centinaia di posti vicino alle stazioni”

Guardando al futuro il sindaco uscente, e candidato di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Saronno al centro, Alessandro Fagioli, vede molti nuovi parcheggi. «In questo mandato – ricorda – abbiamo già aumentato l’offerta, realizzando parcheggi al quartiere Matteotti, nella zona dove c’erano i vigili del fuoco, all’ex de Nora, e con la riqualificazione di piazza Saragat e piazza Mercanti; salvando gli stalli di via Silvio Pellico da una precedente progettualità che li avrebbe cancellati. Abbiamo introdotto il disco orario nelle zone adiacenti la stazione garantendo quindi una maggiore rotazione. Sono già a progetto e finanziati 300 nuovi posti a Saronno sud, gratuiti e custoditi, per spostare lì parte dell’utenza da “Saronno centro”. Sono in progetto 500 posti interrati e banchine autobus per avvicinare l’interscambio gomma-ferro alla stazione. Da non dimenticare il completamento della ciclo-metropolitana e le esperienze del car pooling e del car sharing. È già in progetto un ampliamento dei parcheggi interni al “Padre Monti” e realizzeremo una nuova offerta di posti auto in piazza Unità d’Italia».

Airoldi: “Non ripetiamo sbagli recenti”

Augusto Airoldi invita a «non ripetere gli sbagli del recente passato» e sottolinea la necessità di una «visione d’insieme» per programmare il futuro. «Dobbiamo evitare di ripetere l’errore commesso da Alessandro Fagioli in questi anni: realizzare parcheggi dove capita, assecondando i soli interessi degli operatori, senza un piano complessivo e con un’idea di città ferma agli anni Sessanta – rileva il candidato della lista Airoldi sindaco, Pd e Tu@Saronno – Serve un’idea ispirata agli standard delle città che occupano i primi posti delle classifiche internazionali per qualità della vita: un piano urbano integrato di mobilità sostenibile e di parcheggi che tenga conto tanto della accessibilità al centro e ai suoi servizi, quanto della necessità di alleggerire l’attuale pressione del traffico di attraversamento che, nei momenti di punta, paralizza diverse zone. Hanno appena riaperto le scuole: nessuno sa ancora con precisione se in prospettiva potrà esserci un incremento di traffico a seguito delle scelte dei genitori che vorranno accompagnare i loro figli in auto. Mi auguro che l’amministrazione Fagioli abbia fatto le opportune indagini e preso adeguati provvedimenti».

Longinotti: “Favorire bici e monopattini”

Luca Longinotti, candidato sindaco del Movimento 5 stelle, allarga il discorso dai posteggi alla mobilità cittadina, con un pensiero ai monopattini che stanno vivendo un vero boom. «Partiamo – dice – dalla implementazione della mobilità leggera, con una modifica necessaria delle sedi stradali con piste ciclabili proprio per favorire l’utilizzo delle biciclette e dei monopattini. Saronno ha una superficie talmente limitata che sarebbe impensabile ipotizzare di muoversi solo ed esclusivamente sulle quattro ruote». Prosegue: «L’obiettivo è quello di disincentivare l’uso di veicoli a combustione, con agevolazioni speciali per i possessori di auto elettriche che sarebbero esonerati dal pagamento dei parcheggi. Gratuiti anche i parcheggi in piazza dei Mercanti per i pendolari che saranno in possesso di un abbonamento, almeno mensile, alle ferrovie, mentre per gli spostamenti in città degli studenti abbiamo pensato a bus navetta a tariffe agevolate. Può sembrare ambizioso ma si tratta di cambiamenti inevitabili in una società in continua evoluzione che deve fare i conti con la tutela dell’ambiente che reclama ormai pesantemente i suoi diritti».

Roberto Banfi

© RIPRODUZIONE RISERVATA