Ultimo aggiornamento 27 Maggio 2021 @ 09:04

Prealpina.it logo

 

Saronno, verso il ballottaggio: Fagioli cerca sponde

25 Set 2020 | Amministrative 2020, SARONNO

 

Fagioli non vuole rimanere fuori dalla corsa alle alleanze. L’elezione del nuovo sindaco di Saronno passa dal ballottaggio e con due candidati praticamente “in pareggio“, tutti sono consapevoli che la vittoria passa dall’allargamento delle rispettive coalizioni: si è mosso per primo Augusto Airoldi (civiche+Pd, al 34,62 per cento), ma anche i leghisti di Alessandro Fagioli e del centrodestra stanno adesso cercando di tornare in gioco, consapevoli che il 36,61% del primo turno probabilmente da solo non basta.

Ballottaggio Saronno, ore decisive per gli apparentamenti

La corsa più in salita, rispetto ad Airoldi, sarà quella di Fagioli e delle segreterie dei gruppi che lo sostengono, perché di forze marcatamente di centrodestra all’orizzonte non se ne vedono più, oltre a Forza Italia, Fratelli d’Italia e Sac che già in prima battuta hanno sostenuto il sindaco uscente. Sia Novella Ciceroni di Obiettivo Saronno (12.57 per cento) che Pierluigi Gilli di Con Saronno, Italia viva, Azione e Più Europa (11.75) hanno da subito fatto sapere che, per cortesia, al telefono avrebbero comunque risposto a chiunque.

E chi di chiamate ne sta ricevendo parecchie è innanzitutto Gilli, che l’altra sera s’è già incontrato con Airoldi (incontro, si dice, decisamente cordiale, anche se per ora non è stato messo nulla nero su bianco) ma che viene “marcato stretto” anche dalla Lega; si fa riferimento a proposte “allettanti” o comunque estremamente “generose“, con telefonate anche da parte di esponenti “nazionali” del carroccio. E c’è chi giura che proprio oggi ci sarà un faccia a faccia Fagioli-Gilli. A cosa potrà portare?

Il sindaco emerito di Saronno, Gilli, che ha governato la città per dieci anni (col centrodestra ma senza la Lega), non è mai stato tenero con Fagioli e forse potrebbe non bastare un momento conviviale per risistemare tutto. Anche perché nelle liste che hanno sostenuto Gilli ci sono pure Italia Viva ed Azione che il numero di telefono di Fagioli non ce l’hanno neppure nell’agenda.

E Obiettivo Saronno? Si parla di un primo incontro già l’altro giorno (con richiesta di apparentamento da parte di Os), e comunque chi la dà già con Airoldi sta forse precorrendo i tempi (vedi articolo a lato). Ma i contatti ci sono ed Airoldi si è con discrezione informato in municipio sulle esatte tempistiche per depositare i documenti relativi agli apparentamenti, nel caso ce ne fosse bisogno. Il termine ultimo è domenica, ma domenica il municipio è chiuso e quindi se non si va entro sabato a mezzogiorno è necessario prendere un appuntamento.

La corsa all’ultimo voto

Nel frattempo i politici tengono le bocche chiuse e si affidano ai comunicati. L’ultimo, nel tardo pomeriggio di ieri, è arrivato proprio da parte di Airoldi: «La squadra che mi affiancherà sarà costruita su un principio chiaro, la possibilità di affrontare, gestire e risolvere in maniera coesa i temi che già adesso abbiamo sul tavolo. Una inversione di rotta rispetto all’individualismo di Fagioli». E sulle alleanze? «Guidare il cambiamento che i cittadini ci chiedono impone, innanzitutto, di raccogliere il maggiore consenso attorno al programma di rilancio della città».

Il voto per il ballottaggio è previsto il 4 e 5 ottobre: i giorni che separano da quelle due date saranno intensissimi per le forze politiche che sono in gioco. Da qui a domani mattina per chiudere il cerchio delle possibili alleanze, e già da domenica per ricominciare la campagna elettorale.

Roberto Banfi

© RIPRODUZIONE RISERVATA