Ultimo aggiornamento 19 Ottobre 2021 @ 16:00

Prealpina.it logo

Elezioni Stresa: Macrì mette la salute al primo posto

11 Set 2020 | Amministrative 2020, STRESA

 

Alfredo Macrì Del Giudice, candidato sindaco alle prossime elezioni di Stresa, si presenta agli elettori come “l’unica speranza per una Stresa migliore”, il solo sindaco in grado di garantire che il Comune sia “Casa di tutti”. «Non di qualcuno, né tanto meno bottega di affari», scrive nel programma.

Stresa verso il voto: il programma di Macrì

In cima alla lista delle cose che farebbe da primo cittadino c’è la riconversione dell’ex ospedale in Casa della salute, ma non solo. Metterebbe a disposizione dei medici di medicina generale ambulatori in ogni frazione. Istituirebbe un servizio di distribuzione di farmaci a domicilio, incrementerebbe l’assistenza a casa e il supporto ai disabili e alle loro famiglie.

Elezioni Stresa, “Bisogna attrarre i turisti”

Strade e marciapiedi, con Macrì Del Giudice alla guida di Stresa, sarebbero sottoposti a maggiore manutenzione, le aiuole meglio curate, l’illuminazione pubblica potenziata. Per migliorare l’attrattività turistica della città, il candidato di Uniti per Stresa pensa a una riorganizzazione dei parcheggi, a una rete di wifi gratuito, a un verde pubblico riqualificato, al rilancio del Palazzo dei congressi con eventi tutto l’anno, ad esibizioni degli artisti di strada in centro e nelle frazioni. Frazioni che rimprovera alle ultime tre amministrazioni di aver trascurato al punto che alcune sono sparite dalla segnaletica stradale: Falchetti, La Sacca, Le Sale, San Giovanni. Ad Anas chiederebbe di mettere in sicurezza il tratto di statale 33 che attraversa Stresa.

Tra le isole, a richiedere maggiori interventi è quella dei Pescatori: vegetazione infestante, detriti e rifiuti abbandonati, il pontile della Navigazione Lago Maggiore da sistemare, gli alberi che rischiano di morire per la continua erosione della riva ad ogni innalzamento del lago. All’isola Bella ci sono i servizi igienici da rifare, la riva da ripavimentare e la riduzione della velocità dei battelli da chiedere alla Navigazione Lago Maggiore. Riduzione della velocità di battelli e motoscafi tra gli obiettivi anche per l’Isola Madre.

Tra gli “sconci” cui rimediare, infine, l’ex pensilina del trenino, la pavimentazione dell’area antistante la stazione ferroviaria e la rimozione da Motta Vinea dei detriti degli scavi al porto turistico.

m.ra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA