Ultimo aggiornamento 19 Ottobre 2021 @ 16:00

Prealpina.it logo

Affluenza referendum e Comunali: un varesino su due a casa

21 Set 2020 | Amministrative 2020

 

Affluenza finale al referendum costituzionale di poco superiore al 50% in provincia di Varese, quasi 4 punti meno del dato nazionale. A parte i numerosi casi di cronaca, da Legnano a Gorla Maggiore, e i casi dei seggi chiusi per il pericolo covid a Gallarate e Samarate, le operazioni si sono svolte regolarmente.

Quanto all’affluenza ai seggi, dopo un inizio positivo (fino alle 19 di ieri il dato varesino era in linea con quello nazionale) nella nostra provincia si è andati di poco oltre il 50% (50,7) contro il 54% di tutta Italia. Presidenti e scrutatori impegnati a far rispettare le rigide regole anti-covid (mascherina, distanziamento, igienizzazione delle mani prima di entrare in cabina, scheda deposta nell’urna direttamente dall’elettore) e forze dell’ordine impegnate a sovrintendere alle operazioni all’esterno.

Affluenza, i dati Comune per Comune

Mentre il 50,7% degli elettori varesini si è recato alle urne, quello che emerge chiaramente è che a trainare l’affluenza alle urne è stata la presenza del voto amministrativo: negli undici centri della provincia in cui si era chiamati alla scelta del nuovo sindaco (oltre agli otto tra Altomilanese, Vco e Novara) le cifre sono molto maggiori. Così se nelle principali città, da Varese (47,49%) a Busto Arsizio (48,52) a Gallarate (49,65), si è rimasti al di sotto del 50%, molto maggiore è l’affluenza negli altri undici comuni: a Casorate Sempione si è recato alle urne il 64,16% degli aventi diritto (il dato è stato comunicato solo alle 17, ndr), Gemonio il 63,97, Golasecca il 64,34 e Gorla Maggiore fa ancora meglio con il 73,71. Troviamo poi il 65,56% di Laveno Mombello, il 63,87 di Lonate Ceppino, il 60,65 di Luino e l’80,6 di Masciago Primo, record assoluto. Infine Origgio (68,02), Saronno e Somma Lombardo, che ottengono rispettivamente il 66 e il 61,90%.
Per l’Altomilanese Legnano ha segnato il 64,21%, Parabiago il 59,67 e Cuggiono il 68,94.
Sul fronte piemontese, nel Vco abbiamo Baveno, Belgirate e Stresa con rispettivamente il 57,62%, il 77,6 e il 70,9; in provincia di Novara Arona (66,15) e Invorio (74,65).
Questo per quanto riguarda il voto referendario. Per le sole comunali, invece, l’affluenza è decisamente più bassa, tra i 6 punti percentuali (a Gemonio per esempio chi si è recato alle urne è ha votato anche per l’elezione del sindaco è stato poco meno del 58%) agli 8 di Masciago (72,4), i 9 di Saronno (55%) e i 12 di Casorate Sempione (52).

r.w.

© RIPRODUZIONE RISERVATA